Iron Lawyer
Iron Lawyer

Un avvocato di mezz'età alle prese con lo sport più duro del mondo: il Triathlon!

Evaluation: The Most Effective Tryst.link Alternatives (Safer & Economical)

Tryst.link is yet another website getting in popularity following seizure of Backpage.com and the arrest of these owners of the FBI. There are various internet sites showing up completing for where BackPage left-off. All of these web sites tend to be the identical supplying a spot where you can find women to fulfill your own fantasies. Tryst.link has actually escorts and massage providers from all over the world. The nations consist of united states of america, Canada, Australia, unique Zealand, great britain etc. Although huge question for you is when will this web site be shut down exactly like Backpage was and simply like Craigslist sensual part had been shut. It’s just an issue of time and you definitely should not get up when you look at the windfall that will ensue if you’re part of any police force roundup. The long arm of this law is actually viewing a few of these internet sites carefully while they create cases against each and everybody else. And so the most sensible thing you certainly can do is stay clear of all of these internet sites.

You’re probably wondering how to proceed subsequently. In case you are advised to keep clear of these web pages how might you get put? That is not actually the majority of a problem, there’s thousands of internet dating sites as well as for you to definitely get a hold of females to attach with is the minimum of your own issues. You just need to know where to search. And where to search is on adult dating sites, perhaps not escort internet sites.

Normally not merely routine dating sites like EHarmony.com or Match.com or PlentyOfFish.com. You should utilize certain types of internet dating sites to find the right type of women who are inside ditto you happen to be and that is obtaining put. Yes women like relationship nonetheless in addition like having sex (like males would). And that means you have to go to informal sex dating sites to have the most readily useful opportunity at starting up with normal women not providers. The great thing about using these kind of internet sites is that it relieves almost any issues that you’d have with an escort web site including law enforcement prepared to arrest you. An everyday dating internet site doesn’t have law enforcement officials considering it since thereisn’ trade of income with an everyday lady just who merely desires hook-up and just have gender.

???? In case you are thinking about looking into our very own suggested hookup chats sites you can go here. Normally legitimate dating sites having genuine ladies shopping for no-strings-attached casual encounters. To begin with everything you need to perform is actually produce a free of charge basic account and then you can begin looking around to see if any ladies interest you.

Research Real Females

???? If you wish to research routine regional females (NOT escorts), after that have a look at these casual hookup web sites.

Stanford College Research Finds Partners Just Who Satisfy On Line Are More Diverse

Scientists have long already been interested in the methods online dating sites changed exactly how we meet and fit. A Pew analysis Center evaluation of not too long ago introduced survey data from Stanford University discovered that on line daters may pick partners that are not the same as them in battle or ethnicity, earnings level, training or political association.

The Stanford review, just how Couples Meet and remain Collectively 2017, accumulated solutions from 3,510 U.S. adult datings who happen to be currently hitched, presently in a connection, or who have actually ever formerly been in a relationship. Couples exactly who met on line had been very likely to date someone with another education level, political ideology or race/ethnicity than couples just who came across off-line. The essential difference between people who found on the internet and off-line was actually specifically significant for governmental party and race/ethnicity.

Three in 10 participants which found their own spouse online reported that their unique spouse is another battle or ethnicity, versus 19 per cent of participants just who met their companion traditional. A bigger portion of individuals who came across their lover online additionally mentioned they cannot discuss their lover’s governmental viewpoints (46 per cent vs. 40 %). For all lovers with varying governmental views, one individual leans to or perhaps is affiliated with a particular celebration whilst the additional is actually an unbiased or unsure.

There is a simple description with this event, explains Pew Research Center. Consumers of internet dating services tend to be younger compared to those whom meet traditional, and more youthful individuals are prone to take relationships with lovers who’re distinctive from all of them, regardless how they meet. The median ages of study participants exactly who came across their own lovers online was actually 36. For off-line partners, the median get older ended up being 51.

The differences between offline daters and online daters largely vanish after controlling for get older. Filter the data set-to have a look only at Us citizens in ages of 40, and you will discover that nearly equivalent portion of the whom came across their own lover online (49per cent) and traditional (48per cent) state their lover identifies with a special political celebration. Comparable rates (31per cent on line, 27per cent traditional) say their particular lover is of an alternate race or ethnicity.

The Stanford University data backs up past results from economists Josue Ortega from the University of Essex and Philipp Hergovich from the college of Vienna. In 2017, Ortega and Hergovich posted articles for which they examined the consequences of online dating sites and assortment. They concluded that online dating is producing more powerful, happier and diverse marriages.

What Kind of Date Planner Are You Presently?

Do you rush to track down a cafe or restaurant at last-minute? Or do you have theatre passes scheduled months ahead of time? Top eHarmony psychologist Dr Linda Papadopoulos has identified five specific forms of go out planner.

Therefore whether you leave no detail unchecked, or you can never ever settle on a destination, Dr Linda has some top strategies for obtaining the many from the internet dating website existence.

Spontaneous

Being spontaneous is actually fun, and it surely will undoubtedly could keep your stress amounts at bay. If you are the spontaneous sort, make an effort to plan ahead only one aspect of the day; possibly plants to-arrive on the job, or a card awaiting once they go back home, or even simply accept maintain the night complimentary! A little gesture of preparation and organising can display how much cash you love your own date and you love them enough to should make a single day unique.

Indecisive

You’re probably thinking too-much about it, which will show you are innovative really want the night to-be a winner. Nevertheless, if you should be stressing excessively and unable to make choices, you will possibly not end up being experiencing the preparation everything you need to.

Meticulous

There’s nothing wrong with getting as well thorough inside event planning, along with your effort will definitely reveal and impress your big date! But be sure to don’t get as well caught up when you look at the details. If something fails (and often it will) you don’t want to allow your self get also dissatisfied. Keep in mind that the time will there be for you and never for the 100% great evening so how actually very carefully you plan the date, make sure you can relax and revel in it your self since this is exactly what really does matter.

Over kill/All Out

Blinking the bucks is not as essential since you may imagine. You certainly do not need the most costly wine and/or most high-priced vehicle to impress your date. Becoming amusing, sort and conscious is far more appealing than a sports car! Don’t forget… (certain we a stat right here about cars/money provide a lot more dates yet not actual interactions).

Unwilling

Dating is supposed to-be enjoyable so if you’re truly reluctant to planning the go out subsequently perhaps you’re not worked up about it? Consider it prior to because if you are not truly excited to go on a night out together on valentine’s then it could imply you’re deciding, and you need to never settle simply to have a romantic date on valentine’s.If you are thrilled, but just know you aren’t the look type, right after which try to make it as easy as feasible. Scheduling a table at a cafe or restaurant is easy and quick to do, and may be truly passionate and impressive. Neglect the residence cooked three-course supper and answering the area with beverage light candle lights, maintain date basic you may not end up being very reluctant to approach it.

Secondo uno studio condotto sui partecipanti alla maratona di Boston, un atleta di 19 anni raggiunge il picco della forza a 27, impiegandoci quindi otto anni (Born to run, C. McDougall, Mondadori, 2014)
Continuando l’allenamento, a che età si ritorna alle prestazioni iniziali, tenendo conto del naturale decadimento fisico?
35 (ovvero dopo altri otto anni)?
43 (dopo 16)?
In realtà, a 64 anni!
Abbiamo ancora 15 anni buoni di corse (e nuotate)…16143510_10211620020047017_5068360964512797398_o

Challenge Venice (note tecniche a margine)

Dopo il racconto “emozionale” della gara più impegnativa della mia vita, ecco un paio di “note tecniche” a margine, che potrebbero interessare qualche amico triatleta dilettante (ed un po’ in età…) come me.

Innanzitutto posso confermare un luogo comune, che ho constatato essere assolutamente vero e sacrosanto: una gara così non si improvvisa e neppure si prepara nei ritagli di tempo.

Per chiuderla in meno di dodici ore ho lavorato cinque mesi molto intensamente, arrivando a fare tre ore al giorno di allenamento e, nel week-end dedicato alla bici, quattro/cinque ore alla volta, seguite magari anche da una corsetta a piedi, così da provare lo sforzo combinato.

Il tutto avendo alle spalle un 2015 comunque impegnativo, con quattro maratone corse ed il mezzo Ironman di Pola del 20 settembre: sono quindi “partito” con la preparazione specifica già con le gambe ben preparate.

Ho fatto quasi tutto da solo, sempre cercando di non esagerare mai e seguendo delle tabelle “fai da me”, applicando però costantemente il principio della diversificazione dello sforzo, con allenamenti specifici a giorni alterni.

Per i bigiornalieri dell’ultimo periodo ho cercato di ridurre la corsa a sole tre uscite alla settimana, inserendo molta più bici, ovviamente trascurata durante l’inverno (anche se i rulli mi hanno aiutato tantissimo) e mantenendo i soliti due appuntamenti in piscina, che ho però prolungato, arrivando a tenere una media di 5 km a sessione, grazie anche alle indicazioni dell’intramontabile istruttore di nuoto Egidio Aliprandi, che ha sempre “sorvegliato” da lontano le mie bracciate troppo frequenti…

Ma l’allenamento non basta.

 

Ho infatti potuto constatare l’assoluta verità di quanto scrive il prof. Fulvio Massini, guru italiano della corsa, secondo il quale il risultato di una gara dipende da tre fattori: allenamento, alimentazione ed attitudine mentale.

Dell’allenamento ho detto e, come ho già confessato, sarà sicuramente il ricordo più forte che mi porterò dietro in eterno, forse anche più intenso della gara stessa.

 

Per l’alimentazione mi sono affidato ad una nutrizionista, la Dr.ssa Nadia Sorato, che mi ha dato indicazioni essenziali per farmi arrivare alla partenza con il serbatoio carico di energia e per cercare di mantenerne il più possibile durante la gara.

Pasti frequenti, controllo del peso e della massa corporea. E poi ricerca del giusto equilibrio tra carboidrati e proteine, della corretta idratazione (niente Gatorade o altri prodotti del genere: solo acqua, un pizzico di sale ed un po’ di succo all’albicocca), del “carico” nella settimana precedente al via.

Quella mattina, seguendo scrupolosamente le indicazioni della nutrizionista, mi sono alzato alle tre, così da poter mangiare un etto e mezzo di pasta col grana, un panino alla marmellata e, ad intervalli regolari, fruttini Zuegg e Pavesini fino a mezz’ora prima della partenza del nuoto (6:30).20160605_081244

Uscito dall’acqua ho subito bevuto mezzo litro d’acqua ed appena salito in bici ho iniziato a mangiare cibi solidi: ottimi biscotti alla marmellata e frutta secca in abbondanza, facile tra trasportare e gustosa al mio palato (cosa da non trascurare: bisogna mangiare di continuo ed è importante che quello che ti ficchi in bocca non inizi a fare schifo già dopo la prima ora…).

Ai ristori ho afferrato al volo due panini al prosciutto, le banane ed anche un paio di barrette.

Come da indicazioni, ho smesso di ingerire cibi solidi alla quarta ora di bici, tornando a fruttini Zuegg e Pavesini, che creano un buon mix di zuccheri e carboidrati e sono facili da digerire.20160605_141752

Sono potuto così partire con la corsa a piedi avendo lo stomaco leggero, ma con un buon serbatoio, non ancora “in riserva”.

Durante la maratona ho preso solo due gel, ma non ho lesinato acqua e sali, soprattutto nell’ultima ora, quando il caldo cominciava a farsi sentire.

Sono arrivato al traguardo senza particolari difficoltà, tenendo sempre il ritmo che mi ero prefissato e riuscendo così a gestire la gara con attenzione ed efficacia.

Il terzo elemento, come detto, è sicuramente l’attitudine mentale: chiamiamola motivazione, perseveranza oppure resilienza come dice Trabucchi, certo è che senza una grande concentrazione ed una strenua preparazione psicologica, non sarei andato da nessuna parte.

Controllo della tensione prima di entrare in acqua, così da evitare attacchi di ansia ed aumento incontrollato delle pulsazioni;  contenimento dello sforzo durante la fase di bici, per non farsi prendere dall’entusiasmo e spingere più del dovuto; concentrazione massima e autocontrollo durante la maratona, la fase certamente più impegnativa sia fisicamente che da un punto di vista psicologico.autismo sos

La forza di volontà non mi è mai venuta meno, anche grazie all’iniziativa Autismo S.O.S. che avevamo ideato assieme all’amico Achille Santin: ho “sfidato” cinque aziende, sensibili a questi temi sociali, a versare all’associazione un euro ciascuna per ogni chilometro che sari riuscito a percorrere durante la gara.

226 chilometri totali, per cinque aziende, fa un totale di 1.130,00 euro, che l’associazione Autismo S.O.S. impiegherà per i proprrt20x30-CVAI2210i scopi assistenziali e di volontariato.

Una splendida avventura.

 

 

Challenge Venice, finalmente!

… e alla fine, ce l’abbiamo fatta.

Challenge Venice, 5 giugno 2016: 3,8 km a nuoto, 180 km in bici e maratona finale in 11 ore e 46  minuti.

Sono ufficialmente ironman, anzi: ironlawyer.

Sveglia prima dell’alba, tuffo in laguna, sei ore di bicicletta, una maratona estenuante sotto il sole ed un traguardo emozionante, dopo una giornata ininterrotta di fatica e sudore…

Questa è stata la mia gara, la mia vittoria personale, contro me stesso, i miei limiti e le mie paure.

Ma quello che ricorderò di più di questa folle e meravigliosa avventura sportiva, iniziata quasi per scommessa con un triathlon sprint cinque anni fa, non è tanto la stupenda giornata clou del 5 giugno, quanto i lunghi mesi di allenamento che mi hanno consentito di arrivarci, nel pieno delle mie forze e perfettamente consapevole che il traguardo era alla mia portata.

Ricorderò per sempre l’inverno in piscina, con due allenamenti settimanali da 5 km l’uno.

Non scorderò mai le ore passate nel mio sgabuzzino a pedalare sui rulli da solo, sudando come un matto e guardano vecchie puntate di Magnum p.i. e Battlestar Galactica, mentre fuori era ancora buio, pioveva e faceva freddo.

Accarezzerò sempre il ricordo dei “lunghi” a piedi del sabato mattina, attesi con ansia già dalla sera del venerdì: tre ore di corsa tra Piave e campagna, in compagnia solo del ritmo del mio respiro e del canto dei merli.

Una media mensile di 250 km a piedi, 35 a nuoto e 600 in bici, diventati mille in primavera…

Una montagna di ore, sottratte alla mia famiglia, al mio lavoro, alla mia vita di tutti i giorni: una fatica immane, per incastrare gli allenamenti tra gli impegni della giornata, cercando di non irritare nessuno e di non trascurare (troppo) le altre attività quotidiane, sempre girando con le borse nel bagagliaio dell’auto, così da poter approfittare di ogni ora libera per un tuffo in piscina o una corsa liberatoria in mezzo ai campi o in riva al mare.

Tutto per arrivare preparato a quel tuffo in laguna alle 6:30 del 5 giugno.

Entro in acqua con la solita tensione, che riesco però a controllare grazie anche a qualche preghiera, sussurrata tra me e me.

L’impatto con l’acqua non è male, nonostante le pulsazioni tendano a salire: vedo San Giuliano lontano, guardo il Ponte della Libertà alla mia sinistra, che tante volte ho percorso per andare al lavoro: mi è sempre sembrato lungo in auto, eterno durante partenzala maratona di Venezia, ma questa domenica mattina è stupendo.

So che sto facendo una cosa incredibile.

Quattro o cinque bracciate a rana, tanto per prendere confidenza con quest’acqua non proprio trasparente e poi via: uno, due, tre, respiro a destra; uno, due, tre, respiro a sinistra…

E così via, per un’ora e un quarto.

Provo a contare le “bricole” alla mia destra, ma mi perdo subito.

Qualcuno mi affianca e mi supera facilmente, ma dopo la metà del percorso comincio anch’io a lasciarmi alle spalle qualche cuffia colorata.

Vai così! Mi dico da solo.

Ecco San Giuliano, finalmente!

All’arrivo l’acqua è bassissima, si fatica persino a nuotare, ma la gioia di essere arrivato, con un ottimo tempo, è troppa per pensare ad altre difficoltà.

Esco dall’acqua, inizio a correre slacciando la muta e, in vista delle bici, incontro mio cognato Matteo, che mi aspettava, sia per incitarmi sia (immagino) per avvisare mia madre che sono uscito dalla laguna sano e salvo.

“Tutto a posto – gli grido – tutto perfetto!”.

Quanto ringrazierò, in questa giornata, i volti sorridenti degli amici che incontrerò lungo il percorso…

Ecco la zona cambio: prendo la mia borsa e mi svesto completamente, per indossare la tenuta da ciclismo. Via di corsa alla mia Argon 18, che mi aspetta, carica di roba da magiare e da bere.

Inforco il mio cavallo di carbonio e parto, iniziando subito a mangiare.

Mi sento benissimo, rincuorato per la buona prova a nuoto, ed inizio a pedalare con forza, imboccando la trentina di chilometri necessari per arrivare all’anello tra Meolo, Roncade e Monastier, da percorrere tre volte.rt20x30-CVAE1927

Vado via bene, con il mio k-way legato attorno alla schiena (come si dice da noi: “Pan e gabàn, sempre a portata de man…”) ed i chilometri filano via veloci.

Mangio, bevo, incontro amici che mi salutano, mi sorridono, mi fotografano.

Ad un ristoro prendo da un alpino un panino al prosciutto e, a quello dopo, una bottiglia d’acqua. Non mi trattengo e dico ridendo alla penna nera: “Grazie per l’acqua, ma preferivo un’ombra, però!”. Tutti ridono e mi gridano: “Ce l’abbiamo, rosso o prosecco? torna qua!”.

Goditi questo momento, mi dico: hai lavorato tanto per arrivarci.

Riesco a tenere i trenta all’ora per tutta la frazione, che chiudo in cinque ore e 54 minuti.rt20x30-CVAJ2854

Entro per la seconda volta in zona cambio e mi rendo conto di due cose: sto benissimo e sono abbastanza indietro (le bici sulle rastrelliere sono tante).

Nessun problema, sono felice.

Cambio scarpe, maglietta e pantaloncini e via di corsa.

Incredibile: faccio i primi venti chilometri a 5:30 a km.

Non sono mai stato così bene ed in forma, neppure quando avevo vent’anni…

Alcuni amici sono anche qui al parco e i loro volti sorridenti, le loro parole di incitamento, mi aiutano tantissimo: grazie Paolo, grazie Martina.

Gli ultimo dieci chilometri sono un po’ faticosi, la media oraria scende drasticamente prima a sei a km, poi a sei e mezzo.rt20x30-CVAG2965

Una maratona eccezionale, comunque, durante la quale recupero ben cento posizioni.

Inizia a fare caldo e, alla fine, bevo acqua e sali ad ogni ristoro (ho fatto tutte le mie dodici ore solo assumendo cibi e liquidi naturali: solo due integratori di carboidrati durante la maratona).

È l’ultimo chilometro, quasi non me ne rendo conto.

I quadricipiti sono un po’ doloranti, ma per il resto sto ottimamente.

Arrivo sorridendo e, quando abbraccio mia sorella che mi aspetta all’arrivo, mi commuovo.

11 ore, 46 minuti e 41 secondi. 334° su ottocento.20160605_184827

Ce l’ho fatta.

Grazie a tutti.

Combinato lungo ad otto settimane dal Challenge Venice

Una domenica pomeriggio dedicata ad un bell’allenamento combinato, ad otto settimane esatte dal Challenge di Venezia.

Partenza alle 15 in punto per ottanta chilometri in bici alla buona media di 32 km/h, poi cambio veloce delle scarpe e via sull’argine del Piave per 20 km di corsa, anche qui all’ottima velocità media di 5,07 a km.

Buono il clima, ottima la mia tenuta psicofisica.
Un buon test, quindi, quasi mezzo ironman, tra l’altro non preparato dal punto di vista alimentare (mi ero port
Io e Argonato via solo una banana e un litro di acqua e sale in bici…).
Dimenticavo: prima degli 80 km in bici ho fatto un’ora di zappa nell’orto.
Ha ragione mia suocera: è decisamente più faticoso di un paio di km a nuoto!

Elogio della fatica

Viviamo in una società che cerca spasmodicamente di eliminare la fatica e, con essa, tutto ciò che le è collegato: l’impegno, l’applicazione, la sopportazione, le rinunce, la disciplina.

Tutto deve essere il più possibile facile, veloce, leggero.

E questo, inevitabilmente, ci rende pigri, sia dal punto di vista fisico che mentale, oltre a farci perdere il piacere di tutto quello che solo grazie ad una “sana” fatica può essere legittimamente conseguito.

Il tema dell’importanza della fatica e dei successi che si possono raggiungere grazie ad essa sono il tema del bel libro dello psichiatra veneziano Matteo Rampin: “Elogio della fatica” in cui, dialogando con dieci atleti italiani, viene tracciato un’efficace e per alcuni versi poetica riflessione sullo sport come fatica nobile, come percorso educativo di enorme importanza.images

Tre, spiega Rampin, sono gli avversari che ogni essere umano deve affrontare: il mondo fisico, gli altri esseri umani e se stesso.

Ed è qui che compare il ruolo nobile della fatica che, quale elemento connaturato ed essenziale della nostra vita, “è ciò che permette l’avanzamento del singolo e della società ed è il prezzo da pagare quando si  vogliono sviluppare i talenti“.

Tanto che possiamo dire, con il filosofo tedesco Ernst Moritz Arndt, che “Il paradiso terrestre si chiama lavoro e fatica, e gioia e piacere dopo il lavoro e la fatica“.

Obiettivo Challenge Venice 2016

Chiuso l’anno 2015, ho fatto un po’ di bilancio “sportivo”.

Il risultato è per me molto soddisfacente.

ID_14370373

Maratona di Reggio Emilia, 13 dicembre 2015

Ho corso complessivamente per 2.400 km, ho pedalato per 3.600 e nuotato per altri 380.
Ho fatto quattro maratone (Treviso, Milano, Venezia e Reggio Emilia) ed alcune mezze, in particolare l’emozionante Moonlight Half Marathon di Jesolo, con la mia famiglia che mi aspettava all’arrivo.
Ho concluso il 20 settembre il meraviglioso Ironman 70.3 di Pola con un buon tempo e, soprattutto, senza particolari difficoltà.
Ora, dal punto di vista agonistico, mi sto concentrando anima e corpo (è proprio il caso di dirlo!), sul Challenge Venice del 5 giugno 2016.
Sarà la mia prima prova su distanza ironman: 3.800 metri a nuoto, 180 km in bici ed i 42,195 km finali della maratona.
Lo scenario è sicuramente suggestivo ed il percorso non dovrebbe essere particolarmente difficile, al di là della distanza complessiva, che per me rimane enorme…
Prese singolarmente le singole prove mi sembrano assolutamente fattibili ed in particolare il tratto di nuoto e la maratona credo siano assolutamente alla mia portata.
Mi preoccupano molto lo stato e le condizioni fisiche in cui in cui mi troverò una volta sceso dalla bicicletta…
Il circuito ciclistico è completamente pianeggiante, per cui ritengo di riuscire a mantenere i 30 all’ora di media che mi sono prefissato, magari con l’aiuto del potente mezzo che, dallo scorso mese di dicembre, fa bella mostra di sé nella mia “stanza degli attrezzi” (sarebbe decisamente pretenzioso definirla “palestra”…).20160118_124506
In questo momento mi sto concentrando proprio sulla bicicletta, che costituisce la parte della gara in cui sono certamente più  debole e che più mi spaventa.
Il clima avverso ora non mi consente uscite, per cui non posso che pedalare sui rulli, chiuso sempre dentro la mia stanzetta, circondato da libri su viaggi e imprese sportive, capi di abbigliamento “tecnico”, bilancieri e scarpe da corsa di varie fogge e stato di usura.

Da tre settimane ho iniziato con gli allenamenti bi giornalieri: in genere inizio alla mattina presto, con la corsa o con i rulli; la piscina nei due giorni alla settimana in cui non corro, sempre nell’intervallo del pranzo; alla sera, lungo la pista ciclabile ad anello della mia Croce di Piave, attorno alle scuole elementari, per “mettere in cascina” qualche altro chilometro di corsa.

Riesco a mantenere una media settimanale di 60 km di corsa, 8 di nuoto e 140 di bici, tenendo un giorno (la domenica in genere) di riposo completo.

Vediamo per quanto tempo riuscirò a reggere questa media, combinando allenamenti, lavoro e famiglia.

Proprio una vita per uomini di ferro, non c’è che dire…

(meravigliosa, in ogni caso).

La paura del nuoto in acque libere

Dei tre sport che compongono il triathlon (nuoto, ciclismo e corsa) quello che preferisco è decisamente il nuoto.

Amo la piscina, soprattutto la corsia da 50 mt.

In genere vado ad allenarmi ad ora di pranzo: faccio una buona colazione al mattino verso le 6:30 e poi, in tarda mattinata, mangio un frutto, preferibilmente una banana.

Così riesco ad affrontare un allenamento di nuoto senza essere “scarico” e neppure troppo appesantito.

La mia sessione normale è di 4000 mt in un’ora e mezza, due volte la settimana.40481

D’estate, ovviamente, riesco a nuotare a lungo anche quattro volte alla settimana: il chilometraggio complessivo, quindi, è notevole.

Mi ritengo, pertanto, un discreto nuotatore: non veloce, ma resistente.

Immerso nell’acqua mi rilasso, lascio scorrere liberi i pensieri, sento i muscoli che spingono, il respiro regolare, la fatica senza i dolori ad articolazioni e giunture tipici della corsa: potrei dire che “nuoto zen”…

In poche parole: quando nuoto sono felice!

Eppure le cosiddette “acque libere” (mare o lago) mi fanno sempre impressione: non vedere il fondo, percepire la vastità dell’elemento in cui sei immerso, sentire gli altri che nuotano, tra spruzzi e ricerca d’aria tutt’attorno, mi crea un’ansia notevole…

Anche al mare, dove nuoto per quattro mesi d’estate, per ore e ore, vado sempre parallelo alla riva e resto sempre a poca distanza dalla battigia, anche a rischio di andare a sbattere contro qualche altro nuotatore come me.

La paura delle acque libere è un po’ come le vertigini (di cui, peraltro, soffro): non è logica, non ha motivazione scientifica, eppure esiste.

Lei è là, in agguato, ed aspetta il momento peggiore per artigliarti lo stomaco, romperti il ritmo del respiro e rovinarti la nuotata…

Per questo uscire dall’acqua dopo la prova di nuoto è sempre una soddisfazione!